Se l’Europa si ritrova a trenta miglia dalla Libia

Se l’Europa si ritrova a trenta miglia dalla Libia Abbiamo passato due settimane a bordo di Seefuchs, il peschereccio dell’Ong tedesca Sea-Eye, impegnata in operazioni di ricerca e soccorso in mare e costretta a fermarsi dopo le minacce della guardia costiera libica. Ecco come funziona una missione di search and rescue, chi sono i volontari[…]

Indagine sulle Ong, presunti contatti con gli scafisti Replica: «Mai ricevuto chiamate dirette dai barconi»

Il procuratore di Catania Zuccaro alza il tiro contro le organizzazioni non governative. Al vaglio degli inquirenti ci sarebbero comunicazioni telefoniche e dal vivo con trafficanti. Ma nessuna prova è stata finora fornita. Secca la smentita della maltese Moas e dei tedeschi di Sea-Eye: «Agiamo su istruzioni della guardia costiera»  

Migranti, i dubbi sulle attività di soccorso in mare

Migranti, i dubbi sulle attività di soccorso in mare. Frontex: “Scafisti danno telefoni con numeri Ong” ” Non siamo in mare per aiutare i trafficanti di uomini, ma per salvare vite”. Dopo Sos Mediterranée , a difendere l’operato delle missioni umanitarie è Sea-Eye, organizzazione non governativa con sede in Germania. Il presidente Michael Buschheuer è[…]

Migranti: 5568 mila salvati in mare da ‘Sea Eye’ nel 2016

Migranti: 5568 mila salvati in mare da ‘Sea Eye’ nel 2016 – Cronaca – ANSAMed.it LICATA (AGRIGENTO) – Nel 2016 ha salvato 5568 migranti e ora è appena salpata dal porto di Licata per la prima missione di salvataggio del 2017. È l’operazione ‘Sea-Eye’, dal nome della nave privata tedesca che dal 20 aprile scorso[…]

Sea-Eye, a Licata nave tedesca che salva i migranti

Sea-Eye, a Licata nave tedesca che salva i migranti. “Temiamo pressioni delle nuove destre sui governi” L’anno scorso ha salvato 5568 persone nel Mediterraneo, con un equipaggio di otto persone. Per riuscirci l’imprenditore Michael Buschheuer ha riadattato un vecchio peschereccio usato nel mar Baltico: “L’Ue non fa altro che combattere i rifugiati e screditare i[…]

Un medico di Ratisbona partecipa a una missione di salvataggio di Sea-Eye

Per tre settimane l’uomo di Ratisbona Moritz Andreesen sostituirà la sua casa con un peschereccio con l’obiettivo di salvare i rifugiati dall’annegamento. Di Stina Walterbach. Ratisbona. Nell’autunno del 2015, l’imprenditore Michael Buschheuer fa partire il progetto di Sea-Eye. Un anno dopo, lui e il suo team hanno salvato quasi 5000 rifugiati dall’annegamento nel Mediterraneo. Ora[…]

Quattro giorni in custodia e molte domande aperte.

Un membro dell’equipaggio del progetto di aiuto di Ratisbona “Sea-Eye e.V.” parla del suo soggiorno forzato in Libia. Di Dagmar Unrecht. Ratisbona. È una storia con molte contraddizioni: due membri del progetto di salvataggio di Ratisbona Sea-Eye e.V. sono stati rilasciati una settimana fa dalla custodia della guardia costiera libica. Il loro soggiorno forzato nella[…]

Il volontario di Sea-Eye dopo essere stato rilasciato in Libia: continuerò.

  Di Sebastian Girg. La Sea-Eye si trova nel Mediterraneo dalla scorsa primavera per salvare i rifugiati in pericolo. Le missioni dell’organizzazione di Ratisbona hanno salvato più di 4000 persone ad oggi. Dittmar Kania e Michael Herbke fanno parte dell’equipaggio di Sea-Eye. Nei primi giorni di Settembre stavano guidando il motoscafo di Sea-Eye “Speedy” dalla[…]

A bordo con coraggio e speranza.

Di Maja Hinrichs. L’equipaggio di Sea-Eye salva le barche dei rifugiati al largo delle coste libiche su un ex peschereccio della Germania dell’Est. Per Timo Döring di Oldenburg, Germania, é la sua prima missione. “Non perché so bene come si faccia, ma perché é chiaramente necessario e io mi rendo conto che ce n’è bisogno.”[…]

Ruggine, giubbotti di salvataggio e coraggio. Klaus Becker di Feuchtwangen, Germania, é partito con Sea-Eye e ha salvato 1000 rifugiati.

  La maggior parte delle persone va in ferie per rilassarsi. Altri, come Klaus Becker di Feuchtwagen, Germania, si impegnano come volontari in una missione di salvataggio per due settimane con l’obiettivo di salvare i rifugiati dall’affogamento al largo delle coste libiche. É stato un membro dell’equipaggio sulla barca da salvataggio ‘Sea-Eye’ dell’organizzazione di Ratisbona[…]

La Sea-Eye di Ratisbona sta salvando i rifugiati nel mediterraneo.

Di Katrin Woitsch. Ratisbona/Monaco. Dal lunedì di questa settimana, 6’500 rifugiati sono stati salvati nel Mediterraneo. Le navi di salvataggio sono all’opera ogni giorno. Tra loro la ‘Sea-Eye‘ da Ratisbona, Germania. I membri dell’equipaggio: autisti di Taxi, ingegneri, politici locali. Il loro compito: salvare vite. Il mare é calmo questa mattina di Luglio.  Non é[…]

Speciale di giornale sulla Sea-Eye

La Sea-Eye sta navigando nel Mar Mediterraneo per salvare rifugiati. Guidati da un solo obiettivo: salvare vite. Di Christopher Dotzler. Nel Mediterraneo centinaia di persone stanno affogando regolarmente: uomini, donne e bambini. Michael Buschheuer di Ratisbona, Germania, ha deciso di smettere di continuare a guardare. La stessa cosa hanno fatto diverse persone da una regione[…]

Improvvisamente il pianto di un bambino rompe il silenzio della notte.

Christian Eckert di Colonia, Germania, racconta dei drammatici momenti vissuti sulla nave privata di salvataggio “Sea-Eye”. Inizialmente Christian Eckert (37 anni) aveva pianificato di sacrificare due delle sue settimane di ferie per dare l’esempio e il suo aiuto. Ora l’uomo di Colonia ha già passato circa due mesi viaggiando su un ex peschereccio al largo[…]

Pescatori di vite umane al largo delle coste africane

Dall’aprile 2016, la Sea-Eye, un ex peschereccio di 60 anni, pattuglia il mare al largo della Libia. L’organizzazione volontaria Sea-Eye ha già salvato circa 4’000 persone in pericolo in mare. Di Peter Berger. Alcune persone hanno l’impulso di fare qualcosa. Di non rimanere a guardare mentre nel Mar Mediterraneo centinaia di rifugiati pagano con la[…]

Günther Pirnke parla della missione numero 7 vissuta da skipper nelle operazioni di salvataggio nel Mar Mediterraneo.

Di Irma Held.   Schwandorf, Germania.  In questi giorni Günther Pirnke é quasi sempre in mare. E lo sarà anche da sabato per tre settimane- questa volta privatamente. I suoi due viaggi, come marinaio nel Mar Mediterraneo, continuano ad avere su di lui un effetto e probabilmente lo avranno per molto tempo. Un effetto non[…]

L’attività criminale dei trafficanti di esseri umani continuerà a fiorire.

  Hans-Peter Buschheuer parla con Dieter Kassel (conduttore radio tedesca) Ogni mese centinaia di rifugiati muoiono durante la traversata del Mar Mediterraneo. Organizzazioni come la “Sea-Eye” provano a prestare aiuto in mare. Ma per combattere la miseria bisogna considerare opzioni militari al largo della Libia, dice il cofondatore Hans-Peter Buschheuer. Il numero di rifugiati che[…]