SALVATAGGIO MARITTIMO

Sea-Eye e Seefuchs hanno salvato 14.378 persone dall'annegamento

ULTIME NOTIZIE DALLA SEA-EYE

Le ultime notizie e storie sulla nostra missione.

IL NOSTRO LAVORO

Come salviamo le persone da morte certa
Permettere che delle persone anneghino senza fare nulla, rappresenta un enorme fallimento morale

Sea-Eye vuole aiutare a salvare le persone in pericolo che rischiano di annegare durante le pericolose traversate del Mar Mediterraneo. Con la nostra barca, un ex peschereccio riadattato, cerchiamo coloro che sono in pericolo lungo le coste libiche. Appena individuiamo delle imbarcazioni in difficoltà lanciamo l'SOS e iniziamo a prestare soccorso.

  • TROVARE LE PERSONE IN PERICOLO

    I rifugiati nei gommoni e nelle barche di legno non hanno quasi possibilità di sopravvivenza

  • INIZIARE IL SALVATAGGIO

    Le navi devono essere messe in sicurezza e bisogna lanciare un segnale di SOS.

  • CURARE I FERITI

    Molti sono esausti e ammalati dopo le fatiche del viaggio

  • SALVARE E EVACUARE LA NAVE

    Portare in sicurezza le persone salvate

La nostra missione

Chi siamo, cosa facciamo? Le seguenti otto persone (su 1.000) spiegano perché si impegnano per Sea-Eye.
L’ARCHEOLOGA

Ursula Putz, PhD (46 anni):
“Il nostro bene più prezioso è la nostra vita. Chi ci dà il diritto di decidere come e se un essere umano può sopravvivere? Non posso più sopportare queste morti senza senso nel Mar Mediterraneo e non posso assolutamente accettarle. Una vita umana è e sarà sempre una vita umana!”

L’ESPERTO MEDICO

Wilfried Schnappauf (66 anni):
“Ho preso parte al progetto perché è altamente umanitario e, per quanto riguarda la barca, stimolante sul piano tecnico e nautico. Entro i limiti delle mie abilità, voglio rendere il mondo un posto migliore per la mia nipotina. Ho 66 anni e tre missioni sulla Sea-Eye hanno solo rafforzato la mia decisione.”

IL MEDICO

Achim Stein, PhD (54 anni):
“Ho lavorato come medico generale per 22 anni e sono felice di offrire la mia esperienza medica a queste missioni. Sulla Sea-Eye c’è più urgenza che nella nostra società compiaciuta e coccolata.”

L’INFERMIERA

Renate Barnsteiner (58 anni):
“Ho deciso di partecipare alla missione di Sea-Eye perché ho una buona vita e non posso più guardare passivamente la miseria dei rifugiati. Sono enormemente contenta di aver partecipato alla nostra prima operazione di salvataggio che si è svolta senza morti né feriti.”

LO SKIPPER

Markus Neumann (46 anni):
“Credo che veniamo tutti dalla stessa fonte. Qualcuno la chiama divina. Perciò come possiamo guardare passivamente i nostri fratelli e sorelle affogare?”

IL CONSULENTE

Friedhold Ulonska (59 anni):
“Tutti gli esseri umani sono uguali. Ti piacerebbe affogare? Questo è il motivo per cui sostengo Sea-Eye. La libertà non deve arrivare a costo della propria vita. Non in Europa. Quindi: Sea-Eye.”

L’INGEGNERE

Udo Nuffer (52 anni):
“Non dobbiamo in alcun modo portare al silenzio la voce della compassione dentro noi stessi” Albert Schweitzer

L’AVVOCATO

Sebastian Frings-Neß (46 anni):
“Le politiche europee riguardo ai rifugiati sono fallite a causa dell’egoismo e del nazionalismo. Sulla Sea-Eye noi viviamo l’umanesimo Europeo.”

Le celebrità che supportano Sea-Eye

Guarda i loro messaggi su YouTube (i messaggi sono in Tedesco).

Sea-Eye ha bisogno di 500'000 € per portare avanti le operazioni. Le tue donazioni ci aiutano a continuare la nostra missione.

cosa posso fare?

Quattro modi per supportare Sea-Eye

DONA

Aiuta a finanziare le nostre missioni.

500’000

/anno
  • Questo è il costo delle missioni di Sea-Eye per farle continuare fino alla fine dell’anno.
DONA ORA

DAI UNA MANO

Unisciti al nostro equipaggio

  • Stiamo cercando persone con cuore e abilità: marinai, tecnici, ingegneri, medici, infermieri e... te!
INOLTRA DOMANDA

UNISCITI A NOI

Aiutaci ad aiutare

  • Tutti insieme siamo più forti! Aiuta, promuovi, organizza, informa.
UNISCITI!

PROMUOVI

Dai spazio a Sea-Eye sul tuo forum.

  • Letture, discussioni, presentazioni. Segnalali qui.
SEGNALA